Doro, lo spettacolo al drive-in

Per tornare a esibirsi davanti ai suoi fan in tempo di pandemia, lo scorso weekend Doro ha dominato Worms, Germania, con un incredibile concerto in un drive-in.

Nelle ultime settimane mi sono mancati davvero tanto i miei fan e la mia band. Lo show nel drive-in è stata un’esperienza unica e un punto saliente della mia carriera. È fantastico tornare a godersi la musica assieme. Speriamo di poterci presto divertire di nuovo ai concerti normali.

Il concerto si è svolto nel rispetto delle regole vigenti sul distanziamento sociale per il controllo della pandemia da Coronavirus. I presenti si sono quindi goduti lo spettacolo dalle loro automobili. 

Durante il bis di ALL WE ARE, la regina del metal è scesa dal palco per cantare davanti ai fan seduti nelle loro vetture, ricevendo un’accoglienza entusiastica a suon di clacson!

I concerti al drive-in hanno ricevuto risposte controverse da artisti e fan. C’è chi li considera «la cosa più stupida che abbia mai visto» (Robb Flynn, MACHINE HEAD), «una vera e propria fregatura» (Schmier, DESTRUCTION) o ancora «un’alternativa che dà ai fan qualcosa da vedere, ma non permette alla band di comunicare» (Matthias Jabs, SCORPIONS).

Doro, che è la prima cantante metal ad aver tenuto un concerto di questo tipo, ha così parlato:

È stata una grande avventura. Certo, non è come un normale concerto o festival, ma è comunque meglio di niente. Siamo felici di averlo potuto fare. I fan si sono divertiti molto, e la band e la troupe hanno fatto un lavoro pazzesco. Qualcuno ha filmato una parte del primo concerto e in due giorni ha ricevuto 600.000 visualizzazioni! Abbiamo ricevuto richieste da parte di gestori di drive-in che volevano provare a organizzare uno spettacolo del genere. Quindi abbiamo fatto altri concerti ed è stato fantastico. 

Riguardo alle restrizioni, Doro ha detto:

Ogni spettacolo era totalmente diverso dall’altro. A volte le regole erano molto rigide, a volte meno. Ho chiesto se potevo andare tra il pubblico, con il distanziamento sociale; alcuni mi hanno detto di no e altri mi hanno detto di sì, a patto di indossare la mascherina. Così ho fatto, ho indossato la mascherina e ho cantato comunque senza problemi! Ha funzionato! Sembrava di essere nel video di ALL WE ARE, quando suoniamo sopra al tour bus e le persone sono come congelate nelle proprie auto, per poi prendere vita grazie alla magia del metal. Ho avuto una sorta di déjà-vu, in cui sono tornata indietro al 1987, quando abbiamo girato quel video. È stato surreale. 

I concerti sono stati trasmessi in streaming da Karantena.TV.